“No alle etichette”: anche al #GayPride di Roma Ceres c’è

1450129_10153300539561276_2276171663434264962_n

Anche per il Gay Pride a Roma, Ceres c’è.
Buzzoole
Presentando una bottiglia personalizzata per l’evento, per il pride romano Ceres vuole distinguersi dai suoi concorrenti prendendo una forte presa di posizione contro le discriminazioni lanciando un messaggio chiaro e inequivocabile: “No alle etichette”. Niente marchi in bella vista, niente giri di parole per amplificare al meglio il messaggio sulla bottiglia.

Caratterizzata da una strategia di marketing spinta e decisa, nell’ultimo anno Ceres è intervenuta in numerosi dibattiti a gamba tesa, mostrando un modo di fare pubblicità e interazioni sui social network intelligente e ironico. Ovviamente senza mai perdere il proprio obiettivo: migliorare la brand awareness di Ceres e definire un messaggio chiaro per i propri affezionati clienti.

Dalla sconfitta della Moretti in Veneto all’assoluzione di Berlusconi, la strategia di Ceres è vincente e ogni suo post su Facebook o attività pubblicitaria non passano inosservati. E se questa volta il messaggio è anche per una buona causa come il Gay Pride a Roma e la lotta per i diritti lgbt in tutta Italia, non può che fare piacere. Perché non importa che tu sia etero, bisex, gay o transessuale, l’importante è che tu beva Ceres.