Se una rondine non fa primavera, allora nemmeno un salmone da solo è in grado di risalire la corrente.

Metafore e riflessioni di settimane di cambiamenti, esperienze ed emozioni… verso il Futuro!

Finalmente il Futuro!

vignetta-marketing

Welcome everybody to the Corporate Communication master degree“.
Con queste parole il professor Gambaro, docente di Economics of Communication, ha dato il benvenuto a me e ad un’altra cinquantina di studenti che, questa mattina, si preparavano ad iniziare il corso magistrale di Corporate Communication (= comunicazione aziendale) presso l’Università Statale di Milano.

Come avete detto?
Non sapevate che ero entrato?
Beh si, avete proprio ragione.
In queste due settimane e mezzo sono stato un fantasma per tutti coloro che non mi seguono sui social networks (impuri!), dunque è giusto riassumere brevemente ciò che è successo, per potermi concentrare sulle cose più recenti ed importanti, aggiornando così il blog.

Test di ingresso alla magistrale in Comunicazione Pubblica e d’Impresa:
entrato come 5° in graduatoria, il risultato è andato oltre le più rosee aspettative e mi ha dato lo slancio necessario per guardare con ottimismo al futuro, consapevole che un test è un po’ come una rondine… non fa primavera.

Esame di Statistica:
ciò che non ti uccide, ti rende più forte. Ci voleva una bocciatura per farmi capire che dovevo assolutamente impegnarmi per migliorare la mia conoscenza della statistica, argomento ostico ma affascinante, che mi ha permesso di studiare per mesi e mesi, rendendomi nervoso e ansioso, ma regalandomi un grande risultato. Venticinque!

salmoni

E adesso?
Adesso posso finalmente guardare verso il futuro, davvero. Ho alle spalle una delle estati più difficili di sempre, caratterizzata da troppo studio e aspettative mancate che mi hanno buttato giù il morale più di quanto non potesse già esserlo dopo il “fallimento” di Statistica a inizio luglio. Tutto sembrava andare controcorrente, ma come i salmoni in Norvegia, ho approfittato della situazione per risalire il fiume, avvicinarmi alla sorgente e poter dall’alto osservare meglio il letto del torrente. Ne ho studiato le anse, ho visto le pendenze più critiche, le rapide più vorticose e le cascate improvvise che potrebbero farmi nuovamente cadere. In breve, ho fatto il punto della mia vita e ho fissato il percorso che intendo seguire. Anzi, che ho già iniziato a percorrere.
Finalmente il Futuro!

callcenter

(PS: ho usato fin troppe metafore in questo post, se lo faccio nuovamente siete autorizzati a insultarmi pesantemente come Bastianich con qualsiasi concorrente di Masterchef. Ops, un’altra metafora… ciao!)

 

  • Loredano Scuderi

    Tutto molto bello ragazzaccio, ma penso che Mattia sia un debole!